asd
25.6 C
Amalfi

Architettura romanica in Costiera tra XI e XII sec: il patrimonio storico-artistico di Scala

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

Mercoledì 21 dicembre a Scala si presenta il volume di Vincenzo SebastianoL’articolazione regionale dell’architettura romanica in Costiera Amalfitana tra l’XI e il XII secolo. Il patrimonio storico-artistico di Scala” (Aula Consiliare, ore 17).

Ai saluti del sindaco Luigi Mansi, seguiranno gli interventi del professor Antonio Milone dell’Università Federico II di Napoli con l’autore. Coordina Giovanni Camelia, direttore del Comitato Scientifico del Centro di Cultura e Storia Amalfitana.

Tra i centri interni dell’antico ducato, Scala è certamente uno dei più ricchi di storia ed arte, tra i più interessanti e validi per testimoniare la nascita e l’evoluzione dell’architettura romanica della costiera nei primi secoli del secondo millennio. Qui sono ancora presenti emergenze architettoniche e artistiche di notevole importanza che rimandano alla gloria e alla potenza delle famiglie patrizie del ducato che vi si stabilirono, in particolar modo, tra l’XI e il XIII secolo. In esse è evidente il rapporto tra l’architettura romanica locale e gli influssi e le mediazioni arabo-bizantine presenti nell’area mediterranea soprattutto nell’XI e XII secolo. In questo periodo, infatti, anche in Campania si manifestò una marcata attitudine al sincretismo e alla fusione di espressioni artistiche differenti che portò alla realizzazione di capolavori di estremo interesse che mediavano elementi stilistici latini (l’impianto basilicale), normanni (i volumi possenti e slanciati verso l’alto), arabi e islamici (visibili nelle decorazioni a motivi geometrici astratti e nelle tarsie policrome) e bizantini (riconoscibili nelle volte estradossate e a cupola e nelle absidi sempre triplici).

Con quest’opera si presenta un’analisi storico-architettonica dell’intero patrimonio artistico locale medievale, riportando le descrizioni e i rilievi ma anche i ritrovamenti e le scoperte effettuate in vari anni di ricerca, al di sotto degli intonaci o tra i ruderi stessi delle strutture che conservano in parte ancora i segni di antiche decorazioni e tecniche locali, come le tarsie policrome in tufo, gli archi ogivali, le cupolette e le volte estradossate, le arcatelle cieche o incrociate. Un progetto di ricerca e di studio che rappresenta al tempo stesso uno strumento di conoscenza, mappatura, catalogazione e documentazione grafica e fotografica del patrimonio storico-artistico romanico locale e delle tracce che di esso ancora si conservano.

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

Lavoro nero, controlli dei Carabinieri in Costa d’Amalfi: scoperte tre ditte irregolari

I Carabinieri dell’Aliquota Operativa del NORM di Amalfi e del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Salerno stanno...

Lĕvĭtās: inaugurata ad Amalfi la mostra en plein air di Andrea Roggi 

La vita scorre veloce vista da lassù: dallo specchio di mare alle spiagge, dal civettuolo centro cittadino fino...

Costa d’Amalfi, piano d’intervento con E-distribuzione per potenziamento linee elettriche nei mesi estivi

Un piano d'intervento con E-distribuzione finalizzato a potenziare le linee elettriche e evitare problemi di distacchi di corrente...

Positano, divieto temporaneo di balneazione a Fornillo. Sindaco: «Chieste nuove analisi»

di EMILIANO AMATO A Positano istituito il divieto temporaneo di balneazione per il tratto di mare antistante la spiaggia...