23.4 C
Amalfi

Spaccio di droga in Costiera Amalfitana, pene ridotte per i pusher

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

Pene ridotte, rispetto a quelle avanzate dal pubblico ministero, per i sette componenti della rete di pusher, sgominata nel novembre dello scorso anno dai carabinieri, che spacciavano sostanze stupefacenti in gran parte della Costiera Amalfitana. 

La sentenza del gup del tribunale di Salerno Valeria Campanile che ieri ha letto il dispositivo davanti al collegio difensivo composto dagli avvocati Domenico Fasano, Agostino Bellucci, Agostino De Caro, Francesca Sarno, Marina Manconi e Bonaventura Carrara.

Cinque anni e sei mesi di reclusione per Matteo Senatore, il 32enne di Vietri sul Mare meglio noto come Mario Bros ritenuto dagli inquirenti a capo della gang e che rischiava 14 anni di reclusione; 4 anni per Raffaele Mammato di Maiori (anche a suo carico il magistrato aveva avanzato 14 anni di carcere); 2 anni e 6 mesi per Pasquale D’Elia per il quale il pm aveva chiesto 8 anni; 2 anni e 4 mesi per Alfonso D’Elia (l’imputato, assistito dall’avvocato Francesco Sarno, rischiava oltre 8 anni di carcere ed è stato anche scarcerato ottenendo il beneficio dei domiciliari); 2 anni e 10 mesi per Eugenio Pierri di Cava de’ Tirreni che rischiava 7 anni e 4 mesi; 3 anni e 2 mesi per Roberto Siani; un anno per Salvatore Rinaldi.

Termina così il processo, definito attraverso il rito abbreviato, figlio dell’inchiesta della Procura che ha sgominato il giro di spaccio. Punto di riferimento della rete dei pusher era proprio Senatore che, nonostante fosse agli arresti domiciliari, a partire dal 2019 avrebbe spacciato sostanze stupefacenti dalla propria abitazione divenuta, quindi, il fulcro della frenetica attività del gruppo.

Mario Bros (questo l’epiteto del 32enne vietrese), sfruttando le potenzialità del web, acquistava sostanze stupefacenti dall’estero, in particolare da Olanda e Spagna, per poi rivenderle in Costiera. La droga, però, veniva reperita anche dal napoletano e dall’agro nocerino sarnese. In collaborazione con il compaesano Roberto Siani e i fratelli D’Elia, Senatore aveva cercato di coltivare anche due piantagioni di canapa indiana, nella frazione di Raito.

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

A Minori gli ‘Ndunderi nel giorno di Santa Trofimena. Storia e ricetta

di EMILIANO AMATO Tra fede, tradizione e gastronomia, si sa, esiste un legame imprescindibile, specie per noi del...

Washington, dopo vertice NATO presidente Meloni a cena al Cafe Milano di Franco Nuschese

La Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, a Washington per il summit NATO, ha scelto Cafe Milano di Franco...

Cambio al vertice della Capitaneria di Porto di Salerno: Faè subentra a Daconto

Nella mattina di oggi, venerdì 12 luglio, presso la sede della Capitaneria di porto di Salerno, alla presenza...

Confindustria Salerno, Lurgi nuovo presidente del gruppo Turismo

Cambio alla presidenza per il Gruppo Turismo, Alberghi e Tempo Libero di Confindustria Salerno: Michelangelo Lurgi di Giroauto...