28.1 C
Amalfi

Ciceroni e sentinelle dei Monti Lattari: ecco le nuove Guide Ambientali ed Escursionistiche

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

I ciceroni e le sentinelle dei Monti Lattari. Sono le sedici nuove Guide Ambientali ed Escursionistiche che al termine del corso professionalizzante hanno ottenuto il riconoscimento da parte del Parco Regionale dei Monti Lattari. Si tratta innanzitutto di giovani e donne del comprensorio della Costiera Amalfitana e della Penisola Sorrentina, amanti della natura ed esperti conoscitori dei sentieri montani, dal Faito al Monte Finestra, che intendono fare della passione il proprio lavoro. Il corso, iniziato lo scorso 15 ottobre, ha avuto una durata complessiva di 304 ore fra aula ed escursioni sul territorio. Conoscenza del territorio del parco, sugli usi, i costumi, le tradizioni, gli aspetti storici e socio-economici ed enogastronomici alla base del programma didattico. E sabato scorso, al superamento dell’esame finale, la consegna degli attestati e dei tesserini presso la  sede del Parco dei Monti Lattari.

L’iniziativa è stata organizzata con AGEM (Associazione Guide Escursionistiche Montane), CAI (Club Alpino Italiano), CNSAS (Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico), Fondazione Monti Lattari onlus e Slow Food (Presidio Penisola Sorrentina/Capri). sentieri

Le Guide Ambientali Escursionistiche sono professionisti regolarmente retribuiti che accompagnano in sicurezza, assicurando la necessaria assistenza tecnica, singoli o gruppi in visita a tutto il territorio, illustrandone gli aspetti naturalistici, antropici e culturali, senza limiti altitudinali (come sancito dalla recente sentenza della Corte Costituzionale n. 459 del 14/12/05) ma senza l’uso di mezzi per la progressione. Svolgono la loro attività in aree protette e non, spaziando dall’accompagnamento in natura alla divulgazione e alla realizzazione di progetti di Educazione Ambientale.

Con il passare degli anni la figura di Guida Ambientale Escursionistica si è sempre più evoluta, e oggi possiamo dire che non è più solo la persona che accompagna le persone in visita nei parchi, ma sempre più un partner nei progetti di comunicazione, divulgazione e fruibilità per le stesse aree protette. Fino ad un passato recente una serie di leggi variegate ed eterogenee facevano si che fossero le singole regioni a legiferare in tema di professioni turistiche, a causa di errate interpretazioni frutto della mancanza di un riferimento legislativo nazionale univoco che ha creato confusione e disparità nelle denominazioni e nelle competenze stesse delle Guide Ambientali Escursionistiche, incluso le modalità di accesso alla professione, con delle gravi incongruenze tra regione e regione che finirono spesso per limitare il campo di azione e l’operatività, e quindi la competitività, della Guida Ambientale Escursionistica. Più recentemente, riconosciuta l’incostituzionalità delle leggi regionali da una serie di sentenze di Corte Costituzionale, in seguito all’uscita della legge 4/2013 la Guida Ambientale Escursionistica è stata inserita tra le professioni cosiddette “libere” e quindi non soggette a nessun regime autorizzatorio. La Guida Parco è un titolo professionale previsto dalla legge quadro sui parchi (l. 394/91), che permette ai parchi nazionali l’istituzione di questa qualifica, in accordo con le regioni interessate. L’eccessiva sinteticità della legge istitutiva ha fin dall’inizio contribuito ad aumentare la confusione che regna in ambito legislativo. Si tratta in realtà di un titolo professionale, quindi una sorta di “certificazione di qualità”, da conferire da parte dei parchi a chi sia già in possesso di un’abilitazione professionale attinente.

Infine l’esercizio della professione di Guida Ambientale Escursionistica non necessità di alcuna autorizzazione amministrativa, abilitazione o altro, ricade sotto la legge 4/2013 che di fatto liberalizza la professione ma indirizza e riconosce il ruolo di associazioni come AGEM che garantiscono la qualità e la formazione dei propri Soci. Iscriversi ad un Corso AGEM non è obbligatorio ma una necessità per qualificarsi in questo settore ed offrire un servizio di qualità al mercato turistico oltre alla possibilità di godere di una serie di servizi, anche a tutela della persona e di convenzioni per gli acquisti di dotazioni e servizi con grandi Brand internazionali.

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

Trent’anni senza Antonio Mansi: una vita d’impegno sociale indimenticabile per Scala

di EMILIANO AMATO Sono trascorsi trent'anni da quel maledetto 17 giugno del 1994. Uno dei giorni più tristi per...

Positano, turista americano colto da infarto: elicottero costretto ad atterraggio di fortuna sul molo

Positano intervento con elisoccorso in codice rosso in spiaggia. Nella sola giornata di ieri sono stati bel quattro...

Attivi i collegamenti bus-traghetto per turisti e residenti di Ravello, Tramonti e Scala. Gli orari

È attivo il servizio integrato traghetto + bus che collega Amalfi, Positano, Salerno, Vietri sul Mare, Cetara, Maiori...

Calcio, finale Costa d’Amalfi-Bisceglie: ecco la terna arbitrale. Le probabili scelte di mister Proto

di EMILIANO AMATO Sarà il signor Francesco Palmisano della sezione di Saronno ad arbitrare la finale di ritorno...