3 C
Amalfi

“Immagini di Salerno dal 1974 al 1980”, al Ghirelli la mostra fotografica di Gaetano Mansi

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

Si intitola “54×70”, come il formato scelto per gli scatti esposti, la mostra fotografica – sottotitolo “Immagini di Salerno dal 1974 al 1980” – allestita presso il Teatro Antonio Ghirelli di Salerno dal 27 giugno al 31 luglio 2022.

Una mostra importantissima dal punto di vista iconografico, storico ed identitario, che racconta, attraverso gli occhi di Gaetano Mansi, fotografo curioso, lucido attore-spettatore di quella straordinaria stagione di una cittadina di provincia che all’improvviso si svegliava dal torpore e si apriva al cambiamento, una città con una vita culturale e sociale vivacissima. Classe 1956, originario di Scala e nato a Ravello, vive tra Roma e Milano. Iniziò a lavorare a Salerno come assistente nello studio Segno di Pino Grimaldi.

All’interno degli spazi del teatro, saranno esposte immagini iconiche di quel periodo, quando il ’68 era ancora vicino, l’università era giovane ed integrata nella vita sociale, l’economia era florida, la lotta politica incandescente, non erano ancora nate le Tv locali, internet non esisteva e per comunicare  si doveva usare la parola o la fotografia.

Ad illustrare il progetto nel corso della conferenza stampa, Eduardo Scotti, l’autore, Gaetano Mansi, e la curatrice, Erminia Pellecchia.

Interverranno il consigliere delegato alla Cultura del Comune di Salerno Ermanno Guerra ed il Sindaco Vincenzo Napoli.

Negli anni ‘70 Gaetano Mansi si dedica al reportage, è coautore del libro “Missus est angelus”, su Giovanni Paolo II.  Nel 1978 partecipa alla mostra Autodocumentazione. Si laurea in Lettere e Filosofia, con una tesi sulla storia della fotografia di moda. Frequenta e collabora ai corsi della manifestazione Venezia 79 la fotografia, patrocinata dall’Unesco. Nel 1980 si occupa del terremoto in Irpinia, per il settimanale Epoca di Mondadori e su molti periodici internazionali. Partecipa alla ricognizione delle opere d’arte campane per il dipartimento di restauro dell’Università di Napoli, collabora al libro Oltre il terremoto. Dal 1983, grazie suo mentore Aldo Ballo, collabora con la rivista Casa Vogue. Il suo contributo a Casa Vogue durerà per più di un decennio. Lavora per House&Garden Uk. Pubblica i libri Cilento e La Costa dei Miti. Si interessa anche alla fotografia di moda e collabora a Vogue Italia. Negli  anni 90 lavora per le riviste delle edizioni Condé-Nast e per il Venerdì di Repubblica con ritratti (Eva Herzigova, Linda Evangelista, Michelle hunziker…). Durante un reportage a Gerusalemme, viene ferito da un attentatore: è uno dei pochissimi occidentali sopravvissuti all’intifada dei coltelli. Lavora alla realizzazione di campagne pubblicitarie di moda in location, all’estero. Partecipa al volume La fotografia di moda fra arte e rappresentazione. Dopo il 2000 lavora quasi esclusivamente nella fotografia di moda. Collabora al volume Corso di fotografia, pubblica i volumi 40 Volte Bianca, Passing Through, CentoAsa, Grana & Pixels, Faces and Souls. Nel 2017 si svolge a Roma “Grana & Pixels” una mostra retrospettiva sulla sua opera nella moda. Dal 2018 è collabora alla rivista Diva&Donna.

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

Turismo enogastronomico del primo Novecento. I versi del poeta del vino Hans Barth per la “Portatrice d’acqua di Amalfi”

di OLIMPIA GARGANO The "wine singer" Hans Barth wrote a poem commenting on an early 20th-century German illustration dedicated to a water-carrying girl...

In giro per Agerola col ‘Pandino’ rubato: interrogatorio per i quattro minori di Scala e Ravello

Rischiano il rinvio a giudizio i quattro ragazzi, tutti minorenni, di Scala e Ravello, sorpresi dai carabinieri, lo...

Amalfi, vicenda ex Seminario. Lauro: «Unico risarcimento spetta a studenti»

In merito alle ultime vicende dell’ex Seminario di Amalfi, individuato come sede dell’Istituto Tecnico per il Turismo, progetto...

Positano, travolse e uccise Fernanda: pena ridotta ad autista NCC

Tre anni e quattro mesi di reclusione per l’autista NCC che il 21 ottobre del 2021 a Positano...