26.2 C
Amalfi

L’azzurro di Amalfi: dal cielo al mare, allo scudetto

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

di EMILIANO AMATO

Ad Amalfi grandi festeggiamento per il Napoli campione d’Italia. Qui, nella capitale della Costiera, dove batte forte la passione per gli azzurri, la festa, ieri, è cominciata nel pomeriggio con la sfilata da Valle dei Mulini: il corteo di bandiere e vessilli col tricolore ha visto una partecipazione corale. Un fiume azzurro festante, bambini e adulti con trombe da stadio, insieme al gruppo folk, ha attraversato il corso principale con alcuni asinelli – il simbolo della squadra partenopea – bardati per l’occasione e portati fino in piazza dove i supporters hanno preso posto sulla monumentale scalea del Duomo creando un bel colpo d’occhio tra sentimento e folklore.

Tante le foto scattate dai turisti presenti in città, che hanno partecipato alla passione contagiosa, letteralmente travolti e trascinati dall’onda di entusiasmo dell’antica città marinara. In piazza la torta gigante con un mega scudetto in pan di spagna e panna è stata confezionata dalla storica pasticceria Pansa. Nicola, tra i più appassionati tifosi del Napoli, ha manifestato tutta la sua felicità: «É da quando ho iniziato questo lavoro, da 25 anni, che sognavo di realizzare una torta così. L’attesa è stata lunga, ma la gioia è ancora più grande».

Poi la festa si è trasferita in Piazza Municipio tra musica e cori, ricordando anche chi non c’è più. Osservato un minuto di silenzio per Nicola Fusco, il 28enne di Agerola che ha perso tragicamente la vita lo scorso 8 maggio nell’incidente dei Ravello. Drappo di ricordo esposto anche per l’indimenticabile Fabio Borgese. Uno striscione è stato esposto in ricordo dei quattro tifosi della Salernitana morti nel rogo del treno il ritorno dalla sfortunata trasferta di Piacenza il 24 maggio 1999.

Mai più 24-05-99: Vincenzo, Simone, Ciro e Peppe vivono”: questa la scritta che ha campeggiato sulla ringhiera dello stradone nel giorno del 24esimo anniversario della tragedia che vide perire quattro giovani della nostra terra. Davvero un bel gesto, apprezzato dai tifosi granata della Costiera e non solo.

Il professor Giuseppe Gargano, appassionato tifoso partenopeo, ha declamato la sua lirica da otto quartine con rima baciata, composta proprio in occasione della conquista del terzo scudetto.

Poi l’estrazione dei cinque premi in palio per la lotteria, magliette e gadget ufficiali del Calcio Napoli.

Alle 23.00 lo spettacolo pirotecnico dalla Darsena ha chiuso i festeggiamenti organizzati alla perfezione da un folto gruppo di appassionati azzurri di Amalfi.

Domenica 4 giugno la festa scudetto è a Maiori.

Foto: Michele Abbagnara

spot_imgspot_img

articoli correlati

Trent’anni senza Antonio Mansi: una vita d’impegno sociale indimenticabile per Scala

di EMILIANO AMATO Sono trascorsi trent'anni da quel maledetto 17 giugno del 1994. Uno dei giorni più tristi per...

Positano, turista americano colto da infarto: elicottero costretto ad atterraggio di fortuna sul molo

Positano intervento con elisoccorso in codice rosso in spiaggia. Nella sola giornata di ieri sono stati bel quattro...

Attivi i collegamenti bus-traghetto per turisti e residenti di Ravello, Tramonti e Scala. Gli orari

È attivo il servizio integrato traghetto + bus che collega Amalfi, Positano, Salerno, Vietri sul Mare, Cetara, Maiori...

Calcio, finale Costa d’Amalfi-Bisceglie: ecco la terna arbitrale. Le probabili scelte di mister Proto

di EMILIANO AMATO Sarà il signor Francesco Palmisano della sezione di Saronno ad arbitrare la finale di ritorno...