3 C
Amalfi

Li Galli, recuperato relitto dal fondale. Scongiurato danno ambientale

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

Si sono svolte nella giornata di ieri, domenica 7 agosto, le operazioni di recupero del relitto dell’imbarcazione “Cinque” affondata in seguito ad un incendio scoppiato a bordo in prossimità degli isolotti “Li Galli”, all’interno dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella. L’imbarcazione era andata a fuoco nella mattinata del 22 luglio scorso e, dopo che il personale della Guardia Costiera aveva messo in salvo le cinque persone presenti a bordo, è colata a picco adagiandosi sul fondale in maniera verticale a circa 40 metri di profondità.

Nei giorni immediatamente successivi si è provveduto ad un controllo continuo e sistematico per evitare inquinamenti in una area dall’altissima valenza ambientale e contestualmente l’armatore dell’unità, diffidato dalla Capitaneria di Porto di Salerno a rimuovere il prima possibile il relitto, si è adoperato ingaggiando ditta specializzata in questo tipo di operazioni.

Giovedì 3 agosto si è svolta la riunione operativa nelle sede della Capitaneria di Porto di Salerno dove, ricevuti i dovuti pareri tecnici, si è concordata la tempistica dell’esecuzione del recupero. Dopo due giorni di preparazione, con l’area interdetta da apposita Ordinanza di interdizione, alle 14.30 il relitto è emerso dalle profondità tirato a bordo di un motopontone ancorato in mezzo a “Li Galli”.

L’attività ha richiesto approfonditi calcoli e numerose immersioni per posizionare le fasce intorno allo scafo, unica parte rimasta integra dell’imbarcazione, e una cornice di sicurezza e vigilanza disposta dal Comandante della Capitaneria di Porto di Salerno con impiego di unità navali e anche dei sommozzatori del Nucleo Subacquei Guardia Costiera.

In accordo con l’Area Marina Protetta la stessa ditta incaricata procederà nei prossimi giorni alla bonifica e alla pulizia dei fondali per ripristinare lo stato e l’integrità dell’ecosistema marino intaccato per l’incidente avvenuto.

Termina così, nel migliore dei modi, un’operazione complessa che ha visto la fattiva collaborazione della Guardia Costiera di Salerno e l’Area Marina Protetta di Punta Campanella sulla quale si continuerà a vigilare e a sensibilizzare i diportisti che incrociano quelle acque al rispetto dell’ambiente e in particolare dei nostri splendidi mari.

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

Turismo enogastronomico del primo Novecento. I versi del poeta del vino Hans Barth per la “Portatrice d’acqua di Amalfi”

di OLIMPIA GARGANO The "wine singer" Hans Barth wrote a poem commenting on an early 20th-century German illustration dedicated to a water-carrying girl...

In giro per Agerola col ‘Pandino’ rubato: interrogatorio per i quattro minori di Scala e Ravello

Rischiano il rinvio a giudizio i quattro ragazzi, tutti minorenni, di Scala e Ravello, sorpresi dai carabinieri, lo...

Amalfi, vicenda ex Seminario. Lauro: «Unico risarcimento spetta a studenti»

In merito alle ultime vicende dell’ex Seminario di Amalfi, individuato come sede dell’Istituto Tecnico per il Turismo, progetto...

Positano, travolse e uccise Fernanda: pena ridotta ad autista NCC

Tre anni e quattro mesi di reclusione per l’autista NCC che il 21 ottobre del 2021 a Positano...