27.3 C
Amalfi

Eccellenze salernitane Made in Italy: la storia delle calzature Mastrodomenico sabato su Rai 2 a “Top”

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

La storia di una eccellenza manifatturiera salernitana protagonista su Rai 2 a “Top”, programma d’approfondimento di moda, costume, bellezze ed eccellenze del Made in Italy.

Domani, sabato 8 giugno, alle 14,00, sul secondo canale, Greta Mauro condurrà gli spettatori in un viaggio alla scoperta di una delle piccole, grandi realtà del nostro Paese, che ci rendono orgogliosi in tutto il mondo; Mastrodomenico, azienda artigianale di calzature di alta qualità con sede a Caselle in Pittari.

Sandali intrecciati in cuoio e mocassini in pura pelle (accuratamente selezionati), ma anche scarpe classiche, borse, zaini e accessori donna, vengono acquistati dalle migliori boutique di moda della Costiera Amalfitana, di Positano, Amalfi e Ravello, ma anche di Capri, Ischia e Sorrento, tanto apprezzate e ricercate dai turisti stranieri, specie americani.

Una straordinaria storia di famiglia

Una realtà frutto di grande esperienza e competenza, che nasce dall’esperienza di vita di Domenico Rivello che scopre il mondo delle calzature fin da giovanissimo in Toscana, dove la sua famiglia emigra dal piccolo centro del Cilento agli inizi degli anni Sessanta. C’è il boom economico e quella forza propulsiva delll’Italia della “Dolce Vita”. Sono molte le cose che il giovane Domenico apprende fin dal suo primo lavoro in un’azienda che realizza calzature militari e che gli fa scoprire da subito la sua vocazione per il mondo della manifattura.

Verso la metà degli anni Ottanta, insieme ai due fratelli, decide che è arrivato il tempo di ritornare al Sud, per amore e per investire nella propria terra natìa. Come la stragrande maggioranza delle storie delle piccole e medie imprese italiane, da operaio decide di avere fiducia in se stesso e di mettersi in proprio, dando vita a un’attività tutta sua.

Dopo qualche anno, in un momento di grande espansione del Made in Italy all’estero, diverse società calzaturiere toscane ritornano a bussare alla sua porta per convincerlo a mettere a disposizione il suo know how nelle succursali che stanno aprendo all’estero.

Così, nel 1991 in Albania, a Tirana, diventa direttore generale della Filanda, azienda toscana operante nel settore delle calzature intrecciate. Sono anni di grande crescita professionale ma anche di enormi difficoltà legate alla scarsa sicurezza, in un Paese, l’Albania, che riassapora il gusto della libertà e che a fatica esce da una guerra civile che lo ha reso ancora più povero. Il suo desiderio però è quello di ritornare quanto prima in Italia, dove ad attenderlo ci sono la moglie Sofia e il figlio Marco. E dopo 5 anni, nel 1995, alla nascita del secondogenito Luca, decide che è giunto il momento di ritornare stabilmente a casa. Ed ecco che il Cilento diventa il luogo in cui tornare a vivere e mettere in pratica la propria esperienza per realizzare i propri sogni insieme alla moglie Sofia.

Dopo circa vent’anni d’attività, durante i quali nasce il brand Mastrodomenico nel 2011 (il logo è un cavalluccio marino, a testimonianza del forte legame territoriale), il figlio Luca, dopo essersi laureato in Economia e Management a Roma, decide di credere e di impegnarsi nell’azienda di famiglia, per realizzare quel salto nel mondo in grado di farla crescere e consolidare. Ed è così dal 2018 Luca è impegnato in prima persona nella gestione e nella crescita del brand di famiglia.

Proprio questa staffetta generazionale padre-figlio ha permesso alla passione per le calzature e la pelletteria fatte a mano di non interrompersi per tramandarla, così alle future generazioni. Quasi a voler ricordare ai tanti che si avvicinano affascinati, anche solo ad osservare, che questi prodotti sono il frutto di una storia di sudore fatta di partenze e ritorni.

Ecco come, da una lavorazione artigianale dall’esperienza quarantennale, nascono prodotti di altissima qualità: le manifatture Mastrodomenico. La selezione accurata di cuoi e pellami naturali delle migliori qualità e la spontaneità, fatta di arte, impegno e passione, rendono unici questi prodotti, capaci di coniugare originalità, confort ed eleganza, oltre che una bellissima storia di passione e successo.

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

Salerno, torna la Geo Barents: sbarcati 99 migranti, tanti minori soli

E’ cominciato all’alba di oggi, sabato 13 luglio, poco dopo le ore 6.30 il nuovo sbarco di migranti al Molo Manfredi di Salerno, che si...

A Minori gli ‘Ndunderi nel giorno di Santa Trofimena. Storia e ricetta

di EMILIANO AMATO Tra fede, tradizione e gastronomia, si sa, esiste un legame imprescindibile, specie per noi del...

Washington, dopo vertice NATO presidente Meloni a cena al Cafe Milano di Franco Nuschese

La Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, a Washington per il summit NATO, ha scelto Cafe Milano di Franco...

Cambio al vertice della Capitaneria di Porto di Salerno: Faè subentra a Daconto

Nella mattina di oggi, venerdì 12 luglio, presso la sede della Capitaneria di porto di Salerno, alla presenza...