3 C
Amalfi

Minori, neonato non respira: la corsa disperata nella notte all’ospedale di Cava

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

Miracolo la scorsa notte in Costiera Amalfitana. Salvata la vita a un neonato di appena un mese con seri problemi di respirazione. Alle 2.16 la telefonata,disperata, al 118. Da Castiglione interviene prontamente un’ambulanza della Croce Bianca. Il suono delle sirene rompono il silenzio della notte dell’ultimo sabato d’estate. Il piccolo va continuamente in apnea e dispnea e considerata la gravità della situazione il medico Ciro Senatore con l’infermiere Riccardo Fratti decidono che bisogna andare direttamente al più vicino ospedale. Ma bisogna volare a Cava de’ Tirreni. Alla guida dell’ambulanza c’è Andrea Villaricca dell’associazione Croce di Sant’Andrea. E’ tutta sua la responsabilità, mentre i sanitari a bordo con la mamma del piccolo monitorano il respiro e il cuoricino di quel neonato che dovrà farcela. E’ Villaricca a descrivere le convulse fasi, miste alle personali emozioni, dell’intervento. Quegli attimi, venti minuti circa – o anche meno – da Minori a Cava de’ Tirreni, che hanno salvato una vita preziosissima.

“Ore 02.16 squilla il telefono, la centrale operativa del 118 ci allerta per apnea e dispnea in un neonato di un mese di vita a Minori. Voliamo per la strada in pochi minuti siamo lì, nel tragitto si avverte un silenzio fatto di paura e tensione. Arrivati sul posto capiamo, che, nonostante, il bambino sia da poco ritornato da un nosocomio la situazione non è tranquilla. Il medico dell’equipaggio dell’ ambulanza dopo aver visitato il neonato e ascoltato la descrizione degli eventi dai genitori si mette in contatto con la centrale del 118 e si fa autorizzare per un trasporto in emergenza all’ospedale di Cava dei tirreni al reparto di pediatria. Con andamento sostenuto mi rimetto alla guida dell’ambulanza, cercando di trasmettere le minori sollecitazioni alla mamma seduta dietro,nel vano sanitario, con il piccolo tra le braccia. Arrivati all’altezza di Capo d’Orso l’infermiere che monitorava il neonato ci chiede di fermarci perché il piccolo è in arresto respiratorio. Il medico seduto appena mi fermo insieme all’infermiere esegue una ventilazione polmonare al bimbo che dopo 3 minuti interminabili riprende a respirare. Nel frattempo le grida e le lacrime della mamma del piccolo straziano il cuore, fermo e pronto a ripartire al posto di guida attraverso la finestra intercomunicante con la zona sanitaria incontro lo sguardo della mamma piangente che chiama Dio e mi chiede aiuto. Osservo il medico e l’ infermiere che tentano il tutto per salvare il piccolo e mi sento impotente, temo il peggio, ma poi un loro sorriso mi fa capire che il piccolo ha reagito e respira. Si riparte in volata, non so dire la velocità a cui spingevo l’ambulanza ho ancora il rumore del motore allo stremo nelle orecchie, guidavo e pregavo, forse pregavo più forte di come guidavo. Arriviamo a Vietri, proprio mentre la strada si fa più dritta e scorrevole percepisco un movimento alle mie spalle, è di nuovo l’ infermiere che prende il piccolo tra le braccia e riparte con le manovre di respirazione, guardo la strada con un occhio e l’ altro è puntato allo specchietto retrovisore per vedere cosa succede, capisco che la situazione è grave. L’ infermiere inizia un massaggio cardiopolmonare, mi fermo il medico salta dietro. Non mi volto riparto al massimo con le sirene spiegate, le preghiere si fanno più intense e supplichevoli, quei pochi chilometri che ci dividono dall’ospedale sembrano infiniti, dietro avverto che si sta combattendo contro la morte, che sembra aver ormai vinto. Arrivo finalmente al pronto soccorso dell’ospedale di Cava dietro non si arrendono, si continua con il massaggio cardiaco, arriva il personale dell’ospedale ma il nostro infermiere non demordere continua il massaggio cardiaco. Il cuore del piccolo riparte d’ improvviso, sento aprire la porta, laterale, dell’ ambulanza, mi volto e vedo l’infermiere dell’ equipaggio di corsa, reca tra le braccia il neonato e corre all’interno del pronto soccorso dove già tutti erano pronti per continuare la rianimazione. Il bambino riprende colorito e respirazione. Noi nascondiamo le lacrime dietro un sorriso. Io prima di fare una carezza al bimbo mi fermo un attimo per ringraziare Gesù. Un caffè per festeggiare e ci riavviamo all’ ambulanza per rientrare in sede. Nel viaggio di ritorno stranamente regna il silenzio, ognuno sta pensando al vero senso della vita. La notte continua, la gioia di aver vinto contro la morte ci da motivo e invita a continuare con passione e dedizione la nostra missione”.

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

Turismo enogastronomico del primo Novecento. I versi del poeta del vino Hans Barth per la “Portatrice d’acqua di Amalfi”

di OLIMPIA GARGANO The "wine singer" Hans Barth wrote a poem commenting on an early 20th-century German illustration dedicated to a water-carrying girl...

In giro per Agerola col ‘Pandino’ rubato: interrogatorio per i quattro minori di Scala e Ravello

Rischiano il rinvio a giudizio i quattro ragazzi, tutti minorenni, di Scala e Ravello, sorpresi dai carabinieri, lo...

Amalfi, vicenda ex Seminario. Lauro: «Unico risarcimento spetta a studenti»

In merito alle ultime vicende dell’ex Seminario di Amalfi, individuato come sede dell’Istituto Tecnico per il Turismo, progetto...

Positano, travolse e uccise Fernanda: pena ridotta ad autista NCC

Tre anni e quattro mesi di reclusione per l’autista NCC che il 21 ottobre del 2021 a Positano...