17.1 C
Amalfi

Oltre la passione… l’arte di creare comunità

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

di MARIA CITRO*

Dal rientro da un breve weekend a Valdobbiadene in occasione della Fiera di San Gregorio in cui viticoltori e produttori del pregiato Prosecco DOCG  promuovono e condividono  tecnologie e  strumentazioni del mestiere, ho il piacere di riportare l’encomiabile lavoro intessuto negli anni dal nostro caro Professore Maurizio Ruggiero nato e cresciuto tra le comunità di Minori e Maiori.

Premessa necessario è dire che Maurizio Ruggiero è ormai da anni ambasciatore della Costa d’Amalfi nel territorio delle Colline del Prossecco di Conegliano e Valdobbiadene, anch’esso contemplato quale Patrimonio dell’Umanità. Prima ancora del suo trasferimento per motivi lavorativi in Veneto, Maurizio ha animato le nostre comunità dedicandosi alle passione della musica, del teatro e delle arti religiose tra cui quella presepiale.  E se vero è come ci insegna Piaget che l’Intelligenza è la capacità di adattarsi agli ambienti sociali e fisici, Maurizio ha dato piena dimostrazione delle sue abilità!

L’essere riuscito a canalizzare le sue più alte passioni nella realizzazione di due realtà interessanti per la comunità di Valdobbiadene permettendogli, per il teatro, di diventare “Direttore artistico” del Teatro Instabile” e  di realizzare un vero e proprio presepe permanente nella Villa Dei Cedri è sicuramente una capacità poliedrica di coniugare arte con socialità.

Quanta meraviglia può innescare un presepio ben realizzato? Si è proprio meraviglia e stupore ciò che mi ha attraversato nella visita al presepe, la perfetta declinazione delle infinite sceneggiature che richiamano i luoghi di provenienza, i borghi marinari della Costa d’Amalfi e  gli slarghi, le viuzze e la stade sterrate delle colline venete, un gioco perfetto di prospettive, pittura ed illuminazione che si uniscono alla minuziosa falegnameria.

Ascoltare la descrizione delle scene mi ha rimandato a pensare che in quel presepe Maurizio ha materializzato ciò che aveva pensato e mi auguro che l’emozione e l’ammirazione che tutto ciò trasmette ai visitatori possa  ripagare ampiamente l’impegno profuso. Altrettanto soddisfacente è pensare che proprio una cosi umile ma nobile opera quale il presepe riesca a rasserenare  l’animo e a diffondere il messaggio di pace e di fratellanza a chi, anche se per pochi minuti, si ferma ad ammirare la bellezza, faticosamente ricercata e intimamente rielaborata e trasferita in opera d’arte.

Ecco, il Prof è stato bravo a creare comunità, legami che uniscono le persone attraverso la condivisione di sentimenti, di culture, di riti e tradizioni!

*assessore alle Politiche Sociali del Comune di Minori

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

La Fondazione Ravello celebra il 144° anniversario della visita di Wagner

La Fondazione Ravello ricorda il 144esimo anniversario del passaggio di Richard Wagner a Ravello, evento che ha segnato il...

Busitalia, aggrediti due controllori alla fermata della stazione ferroviaria di Salerno

Ennesimo aggressione ai danni di dipendenti del Servizio di Trasporto Pubblico Locale. Nonostante le molteplici denunce alle quali hanno fatto seguito tavoli...

Ravello, finalmente studi medici trasferiti a Gradillo

A partire da oggi, mercoledì 22 maggio, lo studio medico del dottore Cosimo Accurso è attivo presso i...

Vietri sul Mare, per la 3ᵃ edizione della Fiera del Libro c’è anche il patrocinio di Rai Campania

Tutto pronto per la terza edizione della Fiera del Libro di Vietri sul Mare che si svolgerà a...