11.5 C
Amalfi

Amalfi, bloccata in ascensore per black-out elettrico. Paura per donna incinta

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

A causa di uno degli improvvisi cali di tensione e black out delle linee elettriche registrati questa mattina in diversi comuni della Costiera, ad Amalfi una persona è rimasta bloccata all’interno dell’ascensore in roccia che da Piazza Municipio conduce al Cimitero Monumentale. Si tratta di una donna al nono mese di gravidanza rimasta ferma all’ottavo piano, quasi in quota.

I sistemi di sicurezza e di allarme avrebbero risentito dell’interruzione elettrica ma, nonostante il comprensibile stato di ansia, col suo smartphone la donna è riuscita a contattare il numero telefonico riportato sulla targhetta interna alla cabina. La paura è durata circa 40 minuti, il tempo necessario agli addetti alla manutenzione dell’impianto, sempre presenti per qualsiasi evenienza, per intervenire. L’ascensore non era in prossinità di un livello ed è stato necessario forzare la porta della cabina per consentire alla donna di uscire, presa in braccio dai tecnici.

Sono stati gli stessi dipendenti della ditta appaltatrice del servizio ad accertarsi delle condizioni della donna e a condurla presso il bar più vicino per rifocillarla. Il parto è previsto tra una decina di giorni.

spot_imgspot_img

articoli correlati

Unisa, al via le giornate di orientamento e accoglienza delle future matricole

Da domani 23 aprile tornano gli appuntamenti di opening e conoscenza promossi dal programma “UnisaOrienta”.  L’Ateneo è pronto ad accogliere studenti e studentesse degli...

A Napoli la prima vigna gestita da studenti delle periferie

Una vigna didattica per promuovere nuove forme d'integrazione e di formazione per i ragazzi delle periferie di Napoli e, allo stesso tempo,...

Automobilismo, Coppa Primavera: trionfa Vinaccia

Si è svolta con successo la 32esima edizione della Coppa della Primavera, gara automobilistica sulle strade della Costiera...

Bimbi sbranato dai pitbull, OIPA (Protezione animali) chiede di regolamentare la detenzione

I casi di cronaca parlano sempre più spesso di aggressioni da parte di cani molossi o molossoidi che...