3 C
Amalfi

“Amata Positano. Racconti dal Sud”, 31 ottobre si presenta il libro di Stefan Andres

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

Amata Positano. Racconti dal Sud” è il titolo del volume di Stefan Andres (1906 -1970), a cura di Dieter Richter, traduzione di Olimpia Gargano, per le edizioni del Centro di Cultura e Storia Amalfitana (2021).

La presentazione lunedì 31 ottobre alle 17.30, all’hotel Palazzo Murat di Positano.

Dopo gli indirizzi di saluto del sindaco di Positano Giuseppe Guida e del consigliere al Turismo ed alla Cultura Giuseppe Vespoli, i racconti di Andres saranno commentati da Alida Fliri Piccioni dell’Università di Pavia, in conversazione con Dieter Richter dell’Università di Brema e Olimpia Gargano, traduttrice dell’opera e redattrice della rubrica di questo giornle “La Costiera Raccontata”. In particolare, nel dibattito coordinato da Giovanni Camelia, direttore del Comitato Scientifico del Centro di Cultura e Storia Amalfitana, si parlerà di Stefan Andres e la sua visione letteraria di Positano.

Nel corso della presentazione saranno letti passi scelti dall’opera con l’accompagnamento musicale della pianista Marianna Meroni.

Amata Positano è un florilegio di Racconti dal Sud in un duplice senso: essi sono ambientati nel Sud, innanzitutto in Italia meridionale, e sono, almeno parzialmente, scritti nel Sud, durante l’emigrazione di Stefan Andres, in fuga dal terrore nazista a Positano in Costiera Amalfitana. E forse il lettore scoprirà in questi racconti un terzo significato di tale concetto: sono improntati all’esperienza, all’immaginario e alle speranze che hanno diretto lo sguardo dell’autore verso il Sud, il suo Sud personale. In questo contesto i racconti di Stefan Andres, appartenenti a vari generi narrativi, si inseriscono in una lunghissima tradizione dell’incontro tra Nord e Sud, tra la Germania e l’Italia, due paesi fratelli da secoli (dalla Postfazione di Dieter Richter).

Stefan Andres (Trittenheim, 1906 – Roma, 1970) visse a Positano dal 1938 al 1949 come emigrante dalla Germania nazista, per poi tornare nel 1961 a Roma, dove rimase fino alla morte. I suoi Racconti dal Sud (ambientati, oltre che nel golfo di Salerno, anche a Napoli, Pompei, Roma, Ferrara, in Sicilia, Umbria e Toscana) trasformano i paesaggi italiani in teatri d’azione dove si fanno visibili i grandi problemi dell’esistenza.

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

In giro per Agerola col ‘Pandino’ rubato: interrogatorio per i quattro minori di Scala e Ravello

Rischiano il rinvio a giudizio i quattro ragazzi, tutti minorenni, di Scala e Ravello, sorpresi dai carabinieri, lo...

Amalfi, vicenda ex Seminario. Lauro: «Unico risarcimento spetta a studenti»

In merito alle ultime vicende dell’ex Seminario di Amalfi, individuato come sede dell’Istituto Tecnico per il Turismo, progetto...

Positano, travolse e uccise Fernanda: pena ridotta ad autista NCC

Tre anni e quattro mesi di reclusione per l’autista NCC che il 21 ottobre del 2021 a Positano...

Roberto Breda nuovo allenatore dell’Ascoli. Gli auguri dalla Costiera Amalfitana

Roberto Breda è il nuovo allenatore dell’Ascoli Calcio. Sostituisce l’esonerato Cristian Bucchi. Quando tutto sembrava portare al terzo ritorno...