23.2 C
Amalfi

Enrico Mentana, «ricordate De Masi?»: il sospetto sulla telefonata Draghi-Grillo

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

Sospetto di Enrico Mentana. Il direttore del Tg di La7 torna a parlare della crisi di governo. Qualcosa al giornalista non torna e ieri su Facebook ha dato una sua versione dei fatti: “Vi ricordate il caso De Masi, il racconto del professore a cui sarebbe stato confidato che Draghi avrebbe fatto pressioni su Grillo per togliere di mezzo Conte?”, esordisce in un lungo post spiegando che per giorni non si parò d’altro.

La soffiata mise lo stesso premier in imbarazzo, visto che si trovava in quel momento al vertice Nato a Madrid. Poi però qualcosa è cambiato: “Quella storia è evaporata nel nulla di cui era composta, perché era solo un pretesto per litigare e per rompere. Un modo per screditare Draghi agli occhi del popolo grillino e propiziare l’addio alla maggioranza di un M5s offeso nell’onore del suo leader”. Secondo Mentana la legislatura è finita in quel momento. Il motivo?

“Draghi era determinato a non accettare defezioni nel perimetro a sostegno del suo governo, sapendo benissimo – senza bisogno di buoni o cattivi consiglieri – cosa può succedere a un esecutivo nell’ultimo semestre prima delle elezioni, se viene cannoneggiato da destra e da sinistra, da un’opposizione (Fdi) che sente il profumo della vittoria, e da un’altra (il M5s) che per non morire ha bisogno di recuperare una dimensione antagonista (come peraltro, col senno di poi, si sta vedendo)”.

L’ex numero uno della Bce avrebbe tranquillamente potuto far finta di niente e guidare un esecutivo senza Cinque Stelle. Però, qui il giornalista si lascia andare a un plauso, Draghi “ha scelto la strada della chiarezza e ha rassegnato le dimissioni. Poi ci sono stati i tempi supplementari, gli appelli interni e esterni, fino al pasticcio del 20 luglio, ma a quel punto il dentifricio era già uscito dal tubetto: gli animal spirits elettorali si erano già materializzati, soprattutto in chi si sentiva favorito per un voto improvvisamente vicinissimo. Ma De Masi e la sua storia erano svaniti già da un pezzo”.

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

Ravello 1902. Quando E. M. Forster incontrò il dio Pan a Fontana Carosa

di OLIMPIA GARGANO There are cities and towns that become one with the authors who set their works there....

Il Costa d’Amalfi non si ferma più: battuta anche la corazzata San Marzano

Terza vittoria consecutiva del Costa d’Amalfi che in casa batte la corazzata San Marzano, senza dubbio una delle...

Tramonti, lavori rete elettrica: dal 3 ottobre chiusa strada Pietre-Figlino

Da lunedì 3 a venerdì 7 ottobre parte della Sp 141, a Tramonti, sarà interdetta al transito veicolare...

San Francesco e la Costa d’Amalfi: 3 e 4 ottobre annullo filatelico e spettacoli tra Amalfi e Ravello

Annullo Filatelico,  concerto “Le ultime ore di Francesco“, giornata di studi e liturgia sacra: si concludono le celebrazioni...