18.4 C
Amalfi

Tramonti e i suoi maestri pizzaioli protagonisti a “TuttoPizza” di Napoli

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

La pizza della tradizione di Tramonti protagonista alla fiera “TuttoPizza”, svoltasi alla Mostra d’Oltremare di Napoli dal 23 al 25 maggio, attraverso l’Associazione Pizza Tramonti con i suoi maestri pizzaioli, impegnati in questa trasferta per diffondere e celebrare la prima pizza De.Co. d’Italia.

L’evento ha registrato ben 10mila ingressi già nella prima giornata. Visitatori e professionisti del settore sono giunti da ogni parte del mondo per ammirare i pizzaioli all’opera e assaggiare le loro creazioni, tra tradizione e nuove proposte.

I maestri di Tramonti hanno saputo incantare il pubblico con una serie di pizze inimitabili, sia per il loro particolare impasto integrale, realizzato con farina macinata a pietra con cereali, farro e mais, sia per le eccezionali materie utilizzate, rigorosamente prime Made in Costiera.

Dalla classica Regina Margherita, impreziosita dall’utilizzo del pomodoro Corbarino vero protagonista della kermesse e il fiascone alias Re Umberto (varietà unica che cresce a Tramonti) a una sicuramente meno canonica ma unica nel suo genere con 100% biga, una pizza con crema di fave, pecorino di Tramonti e zeste di limone IGP Costa d’Amalfi, passando per la Marinara (con un mix di pomodorini corbarini gialli e rossi e condita da basilico, olio EVO delle Colline Salernitane e limone) e la profumatissima e sempre più apprezzata Provola e Limone, le pizze della tradizione di Tramonti realizzate dai maestri Carmine Nasti, Antonio Erra, Alfonso Simeone e Paolo Moccia ospite a sorpresa (quest’ultimo fresco vincitore del Campionato Mondiale della Pizza 2022 tenutosi a Parma poche settimane fa, dove ha ottenuto il primo posto assoluto nella categoria “Pizza Classica) hanno riscosso un grandissimo successo.

Successo condiviso con la nuova creazione del neoassociato maestro Vincenzo Nese, che si è esibito nell’ultima giornata della fiera e che ha voluto omaggiare la sua terra d’origine con un trionfo di pomodorini gialli del Piennolo e pomodorini Corbarini, provola affumicata dei Monti Lattari, Alici di Cetara e grattugiata di Limoni delle due Costiere, portando in tavola una pizza che collega sapientemente mare e monti.

«L’Associazione Pizza Tramonti non può che ringraziare tutti i suoi maestri pizzaioli che hanno preso parte alla kermesse – ha dichiarato il presidente Vincenzo Savino -. Oggi è tanta l’attenzione verso le eccellenze gastronomiche locali e il nostro territorio, da questo punto di vista, è sicuramente privilegiato: ha tanti assi nella manica, ma anche tanti professionisti, come i nostri maestri pizzaioli, che sono in grado di giocarli al meglio. Il loro lavoro premia il presente e il passato di Tramonti: perché la pizza è evoluzione, ma anche riscoperta di quelle radici a cui, inevitabilmente e per fortuna, facciamo ritorno; la pizza, del resto, è nel DNA dei Tramontani».

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

Unisa, al via le giornate di orientamento e accoglienza delle future matricole

Da domani 23 aprile tornano gli appuntamenti di opening e conoscenza promossi dal programma “UnisaOrienta”.  L’Ateneo è pronto ad accogliere studenti e studentesse degli...

A Napoli la prima vigna gestita da studenti delle periferie

Una vigna didattica per promuovere nuove forme d'integrazione e di formazione per i ragazzi delle periferie di Napoli e, allo stesso tempo,...

Automobilismo, Coppa Primavera: trionfa Vinaccia

Si è svolta con successo la 32esima edizione della Coppa della Primavera, gara automobilistica sulle strade della Costiera...

Bimbi sbranato dai pitbull, OIPA (Protezione animali) chiede di regolamentare la detenzione

I casi di cronaca parlano sempre più spesso di aggressioni da parte di cani molossi o molossoidi che...