3 C
Amalfi

Scuole Virtuose, c’è anche il “Comite” di Maiori

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

L’istituto d’istruzione superiore “Pantaleone Comite” di Maiori, che comprende gli indirizzi Alberghiero e Tecnologico-informatico, entra nel circuito ufficiale delle Scuole Virtuose, dotandosi di un proprio documento programmatico.

Internet e le tecnologie digitali fanno parte ormai della vita quotidiana, non solo scolastica, degli studenti e delle studentesse: in questo quadro si ravvisa il bisogno di dotarsi di strumenti per promuovere un uso positivo del mezzo informatico, anche per prevenire, riconoscere, rispondere e gestire eventuali situazioni problematiche. 

L’Epolicy è un documento programmatico volto a promuovere le competenze digitali ed un uso delle tecnologie positivo, critico e consapevole, sia da parte dei ragazzi e delle ragazze che degli adulti coinvolti nel processo educativo.  Si tratta di un documento finalizzato a prevenire situazioni problematiche e a riconoscere, gestire, segnalare e monitorare episodi legati ad un utilizzo scorretto degli strumenti. E’ stato redatto con lo scopo di esprimere la nostra visione educativa e proposta formativa, in riferimento alle tecnologie digitali.

L’Epolicy contiene, quindi, delle linee guida per garantire il benessere in Rete, definendo regole di utilizzo delle TIC a scuola e ponendo le basi per azioni formative e educative su e con le tecnologie digitali, oltre che di sensibilizzazione su un uso consapevole delle stesse.

Nel corso dell’anno scolastico è stato costituito un gruppo di lavoro di docenti che, dopo aver seguito un percorso formativo sul portale https://www.generazioniconnesse.it, ha provveduto alla redazione del documento di Epolicy del nostro Istituto.

In esso viene descritto:

  • l’ approccio alle tematiche legate alle competenze digitali, alla sicurezza online e ad un uso positivo delle tecnologie digitali nella didattica;
  • le norme comportamentali e le procedure per l’utilizzo delle Tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) in ambiente scolastico;
  • le misure per la prevenzione;
  • le misure per la rilevazione e gestione delle problematiche connesse ad un uso non consapevole delle tecnologie digitali.

Una volta completato il percorso ed aver redatto il documento, il nostro Istituto è entrato a far parte della Banca Dati Nazionale delle Epolicy, un albo ufficiale di tutte le Istituzioni Scolastiche che hanno portato a termine il percorso di Generazioni Connesse producendo, come risultato finale, il documento di Epolicy.

Inserendo nell’apposito motore di ricerca il Codice Meccanografico oppure la città, la provincia o la regione dell’Istituto Scolastico, è possibile cercare la nostra scuola. Sono presenti tutte le Istituzioni Scolastiche iscritte al progetto SIC Generazioni Connesse che hanno prodotto ePolicy valutate come idonee ottenendo la qualifica di “scuola virtuosa” sui temi relativi all’uso sicuro e positivo delle tecnologie digitali.

Il percorso di ePolicy

1. Cos’è il progetto “SIC Generazioni Connesse”?

Il progetto Safer Internet Centre – Generazioni Connesse, è un progetto co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Connecting Europe Facility (CEF) – Telecom, ed è membro di una rete promossa dalla Commissione Europea che si concretizza nella piattaforma online “Better Internet for Kids” gestita da European Schoolnet, in stretta collaborazione con INSAFE (network che raccoglie tutti i SIC europei) e Inhope (network che raccoglie tutte le hotlines europee).

Il progetto, tra le diverse azioni,  ha sviluppato un percorso e-learning rivolto ai docenti per la realizzazione di una ePolicy interna d’istituto, un documento fondamentale per programmare e/o aggiornare attività di  cittadinanza digitale (art.5 legge 92-2019), volto a promuovere le competenze di prevenzione  dei rischi online, riconoscere, gestire, segnalare e monitorare episodi legati ad un utilizzo scorretto delle tecnologie digitali, oltre che utile ad individuare azioni di prevenzione ai fenomeni di bullismo e cyberbullismo da prevedere nel   PTOF.

2. Chi sono gli attori coinvolti?

Il MI – Direzione Generale per lo Studente, l’Inclusione e l’Orientamento scolastico coordina le attività del Safer Internet Centre – Generazioni Connesse, in collaborazione con la  Polizia Postale e delle Comunicazioni, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Università degli Studi di Firenze, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Save the Children Italia Onlus, S.O.S. II Telefono Azzurro, Cooperativa E.D.I., Skuola.net, Agenzia di stampa DIRE e l’Ente Autonomo Giffoni Experience.

3. A chi è rivolto il percorso?

Possono iscriversi tutti i Circoli didattici, Istituti Comprensivi, Scuole Secondarie di Primo Grado, Scuole Secondarie di Secondo Grado italiane, sia pubbliche che parificate. In particolare il percorso è rivolto alle classi quarta e quinta della Scuola Primaria e a tutte le classi della Scuola Secondaria di Primo e Secondo Grado.

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

In giro per Agerola col ‘Pandino’ rubato: interrogatorio per i quattro minori di Scala e Ravello

Rischiano il rinvio a giudizio i quattro ragazzi, tutti minorenni, di Scala e Ravello, sorpresi dai carabinieri, lo...

Amalfi, vicenda ex Seminario. Lauro: «Unico risarcimento spetta a studenti»

In merito alle ultime vicende dell’ex Seminario di Amalfi, individuato come sede dell’Istituto Tecnico per il Turismo, progetto...

Positano, travolse e uccise Fernanda: pena ridotta ad autista NCC

Tre anni e quattro mesi di reclusione per l’autista NCC che il 21 ottobre del 2021 a Positano...

Roberto Breda nuovo allenatore dell’Ascoli. Gli auguri dalla Costiera Amalfitana

Roberto Breda è il nuovo allenatore dell’Ascoli Calcio. Sostituisce l’esonerato Cristian Bucchi. Quando tutto sembrava portare al terzo ritorno...