11.5 C
Amalfi

A lezione di ambiente e transizione ecologica: alunni di Cetara e Vietri imparano le buone pratiche per salvare il mare

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

A scuola, perché il futuro sostenibile si costruisce a scuola. Entrando nelle aule, dialogando con i bambini, con gli studenti della scuola primaria, giovanissime generazioni da avvicinare ai temi ecologici, all’alimentazione sana, alla sostenibilità. A scuola perché la scuola ha un ruolo primario nella sensibilizzazione alle buone pratiche, perché è diventato necessario educare ai temi dell’ecologia come la transizione ecologica, lo sviluppo e la tutela del patrimonio ambientale, la difesa della natura e delle sue risorse.

A scuola, nelle aule e sulla spiaggia, a contatto con il mare per parlare, illustrare, dimostrare e discutere con gli alunni, attraverso lezioni teoriche e pratiche: è la campagna rivolta a stimolare la conversione culturale indispensabile per affrontare il grande cambiamento, è la campagna che rientra nella più ampia iniziativa “Pesca in Campania” lanciata dal Comune di Cetara col sostegno dell’Unione Europea, del Ministero dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste e della Regione Campania, un’iniziativa che rientra nella misura 5.68 PO Feamp Campania 2014/2020.

La transizione ecologica, la lotta alla dispersione nelle microplastiche nel mare: “Salviamo il mare, difendiamo il nostro futuro”. Su questi temi e con questo slogan è partita stamattina la campagna nelle scuole primarie di Vietri Sul Mare e Cetara che fanno parte dell’istituto comprensivo di Vietri sul Mare, la campagna in collaborazione con il Consorzio Area marina protetta “Punta Campanella” e l’omonimo Centro di Educazione Ambientale. Accolti con entusiasmo dalla preside Milena Satriano, dai docenti, dal personale e dagli alunni, la dottoressa Carmela Guidone e il dottor Domenico Sgambati nel plesso di Cetara e la dottoressa Antonella Esposito in quello di Vietri sul Mare hanno tenuto il primo degli appuntamenti in programma.

Grazie a lettori multimediali gli alunni hanno visto filmati sull’ecosistema marino, sulle specie presenti negli specchi d’acqua antistanti le nostre coste, hanno letto e decifrato cartine geo-marine e hanno assai gradito l’omaggio di gadget sul tema della transizione ecologica. Nel corso della lezione sono state evidenziate le criticità ma anche le potenzialità dell’ecosistema marino, ambientali ed economiche. Gli operatori dell’Area protetta di Punta Campanella hanno poi lasciato la parola agli alunni che, davvero entusiasti e assai coinvolti, hanno discusso e posto domande sui vari temi trattati: l’inquinamento delle acque, l’eccessiva presenza delle plastiche in mare, la pesca illegale.

Il prossimo appuntamento è fissato per il 29 novembre: sarà una giornata di formazione pratica perché gli alunni di Vietri sul Mare e Cetara saranno accompagnati sulla spiaggia dove potranno campionare le microplastiche, monitorare il bitter litter e il materiale naturale e parlare con i pescatori affrontando così il tema della dispersione in acqua della plastica.

Il percorso didattico nelle scuole è solo una parte dell’iniziativa che vede l’amministrazione comunale di Cetara guidata dal sindaco Fortunato Della Monica capofila del progetto “Pesca in Campania”: la lotta alla dispersione delle microplastiche e gli interventi nella filiera (ad esempio la distribuzione delle cassette in plastica riciclabile, la macchina che pulirà e igienizzerà le cassette installata nel costruendo “Mercato del pesce” sul porto di Cetara) sono solo alcuni dei temi fondanti che si dispiegheranno in una serie di iniziative che saranno illustrate lunedì 27 novembre (ore 11) nell’Aula Magna dell’Istituto comprensivo di Vietri sul Mare e che si terranno fino alla prima settimana di dicembre. Ci sarà uno spazio dedicato allo show cooking e alla degustazione che punta alla sensibilizzazione del consumo delle produzioni ittiche locali. Poi un “press tour” rivolto a giornalisti di settore, blogger, influencer, e buyer italiani con l’obiettivo di migliorare la commercializzazione del prodotto locale. E ci sarà poi un evento speciale, il 7 dicembre (ore 10,30) all’hotel Cetus, rivolto all’intera comunità per sostenere la filiera della pesca e approfondire i temi strategici contenuti nell’obiettivo 14 dell’Agenda 2030 tra i quali quello della transizione ecologica.

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

Unisa, al via le giornate di orientamento e accoglienza delle future matricole

Da domani 23 aprile tornano gli appuntamenti di opening e conoscenza promossi dal programma “UnisaOrienta”.  L’Ateneo è pronto ad accogliere studenti e studentesse degli...

A Napoli la prima vigna gestita da studenti delle periferie

Una vigna didattica per promuovere nuove forme d'integrazione e di formazione per i ragazzi delle periferie di Napoli e, allo stesso tempo,...

Automobilismo, Coppa Primavera: trionfa Vinaccia

Si è svolta con successo la 32esima edizione della Coppa della Primavera, gara automobilistica sulle strade della Costiera...

Bimbi sbranato dai pitbull, OIPA (Protezione animali) chiede di regolamentare la detenzione

I casi di cronaca parlano sempre più spesso di aggressioni da parte di cani molossi o molossoidi che...