27.4 C
Amalfi

Ravello, sviene in piazza dopo crisi epilettica. Turista americana ringrazia medici Costa d’Amalfi per cure ricevute

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

Stava trascorrendo l’ultimo giorno di vacanza a Ravello, invitata al matrimonio di amici, la turista che ieri pomeriggio, poco prima delle 18.00, è svenuta in piazza Vescovado in seguito a una crisi epilettica.

La donna, 32enne di nazionalità americana, non nuova a convulsioni, non riusciva a respirare ed è rimasta per alcuni minuti distesa al suolo. Immediatamente soccorsa dalle persone che erano con lei, provvidenziale è stato l’intervento di un medico e di un’infermiera stranieri, turisti a Ravello. Con l’ausilio di un cucchiaio le è stato impedito che la lingua potesse soffocarla. A prestare assistenza l’agente della Polizia Locale Vincenzo Schiavo che ha prontamente richiesto l’intervento di un’ambulanza. Dopo qualche minuto la donna ha ripreso conoscenza ed è stata fatta sedere su una sedia.

Trasferita presso il Pronto Soccorso di Castiglione, sottoposta a tutte le indagini necessarie le è stata somministrata la terapia farmacologica. Per la turista straniera si era reso necessario il ricovero presso la struttura ospedaliera “Ruggi” di Salerno per un periodo di osservazione. Ma è stata lei stessa a rifiutare le cure per la necessità di dover lasciare l’Italia proprio oggi. Al momento di lasciare il piccolo nosocomio della Costa d’Amalfi, ringraziando il personale sanitario, ha chiesto di poter saldare il conto per le cure ricevute. Con suo sommo stupore ha appreso che non c’era da pagare neanche un centesimo in virtù del fatto che in Italia il sistema sanitario nazionale garantisce cure gratuite per tutti.

Negli Stati Uniti, invece, non essendoci tasse, come in Italia, a sostegno di un sistema sanitario universale, la cura della propria persona è interamente a carico del cittadino il quale può curarsi soltanto se in precedenza ha stipulato una copertura o ha i soldi sufficienti per far fronte alla visita, all’operazione o al ricovero.

La donna incredula, ha lasciato l’Italia portando negli occhi la bellezza dei nostri luoghi e nella mente il ricordo di un momento per lei traumatico ma al tempo stesso che ha generato stupore per l’organizzazione dei servizi sanitari del nostro paese, garantiti a tutti, compresi i turisti che lo preferiscono. Per lei ora il termine “democrazia” si è arricchita di una nuova e concreta sfumatura di significato.

L’articolo 32 della Costituzione italiana recita: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge”.

spot_imgspot_img

articoli correlati

Tramonti paesaggio dell’anima: una mostra per ricordare e diffondere l’arte di Mario Carotenuto

In pochi hanno saputo raccontare Tramonti come ha fatto il maestro Mario Carotenuto. Non poteva che partire da...

Massimiliano Gallo in scena ad Amalfi con Resilienza 3.0

Il grande teatro d’autore è protagonista di Amalfi Summer Fest. Massimiliano Gallo sarà in scena con “Resilienza 3.0”...

CSA Salerno denuncia: «Agente di Polizia Municipale investito da motociclista a Ravello». Indagini in corso

In un comunicato trasmesso agli organi di informazione, il CSA (Coordinamento Sindacale Autonomo) di Salerno - a cui aderirono le...

L’eco del Festival delle Torri ancora non si è spento

di ANGELA VITALIANO Dal 3 al 7 agosto, l'evento estivo più atteso ha animato le città di Vietri sul...