11.5 C
Amalfi

I 4 migliori vini bianchi della Costa d’Amalfi scelti dal Gambero Rosso

ultima modifica

Share post:

spot_imgspot_imgspot_img

La Costa d’Amalfi è ormai famosa non solo dal punto di vista paesaggistico e turistico, ma anche da quello enologico, con ottimi vini rossi, bianchi e rosati della Doc omonima. La celebre rivista di settore, Gambero Rosso, concentra la sua attenzione sui vini bianchi che ha premiato con Tre Bicchieri e Due Bicchieri Rossi.

I vini della Costa d’Amalfi, con fragranze mediterranee e suggestioni iodate più che evidenti, accompagnano con rara grazia la cucina non solo di pesce da provare nei ristoranti della zona.

La Doc Costa d’Amalfi comprende le tre sottozone di Ravello, Furore e Tramonti – aree da sempre vocate all’agricoltura in generale e viticoltura in particolare – alquanto diverse per esposizioni e microclima.

Sono previste le tipologie Rosso, Bianco e Rosato. Il Rosso e il Rosato sono frutto dell’uvaggio di piedirosso e/o sciascinoso (detto anche olivella) e aglianico in percentuale minima del 60%, più altri vitigni autorizzati fino a un massimo del 40%. Il Bianco è ottenuto da uve falanghina, localmente nota come bianca zita (percentuale non inferiore al 40%), e biancolella, detta anche bianca tenera (almeno il 20%), più altre uve locali non aromatiche della provincia di Salerno (massimo 40%).

La produzione massima consentita di uva per ettaro è di 110 quintali per Rosato e Rosso e 120 quintali per il Bianco; le quantità sono ridotte nelle sottozone (rispettivamente 90 e 100 quintali), con grado alcolico che passa da 10° a 10,5° per il Bianco e da 11° a 11,5° per il Rosso, a tutto vantaggio della qualità per i vini delle sottozone.

I migliori vini bianchi della Costa d’Amalfi

Ecco i vini bianchi Costa d’Amalfi che hanno ottenuto i Tre Bicchieri o i Due Bicchieri Rossi, essendo arrivati in finale durante le degustazioni per la guida Vini d’Italia di Gambero Rosso 2024.

Il Selva delle Monache 2022 di Ettore Sammarco è il solito bianco mediterraneo di razza. Ampio e fragrante nei toni di foglia di limone e agrumi, di pesca bianca e fiori di tiglio, di erbe aromatiche fresche, sfoggia un palato dolce di frutto, salino, lungo e che si fa affusolato nel lungo ed elegante finale. Grande classe e finezza anche nel Vigna Grotta Piana 2022: speziato, giocato su toni di macchia mediterranea ed erbe aromatiche, iodato e appena affumicato, si concede con una bocca succosa e ricca che ricorda la scorza di agrumi chiari. La più conosciuta delle aziende di Ravello porta il nome del suo fondatore, Ettore Sammarco, che nel 1962 decise di dare vita a un proprio marchio per trasformare e commercializzare le materie prime del vigneto in località Castiglione.

Oggi l’azienda può contare anche su un fidato manipolo di conferitori: Bartolo, figlio di Ettore, si occupa di valorizzare questo patrimonio creando vini di stampo mediterraneo che prendono vita esclusivamente da uve autoctone.

Il Per Eva 2020 di Tenuta San Francesco è un bianco della Costa d’Amalfi frutto di un blend di falanghina, ginestra e pepella. La sottozona di Tramonti è un’area impervia e difficile per la viticoltura, ma i quattro soci fondatori dell’azienda Vincenzo D’Avino, Luigi Giordano, Gaetano e Generoso Bove, hanno accettato la sfida di portare avanti 14 ettari di vigneto suddiviso su diverse parcelle.

Un piccolo scrigno ampelografico che ha permesso all’azienda di diventare una realtà di riferimento della Costa d’Amalfi che offre un’interpretazione centrata di varietà di difficile gestione come pepella, ginestra, biancazita, biancatenera, aglianico, piedirosso e tintorea. Pera e pesca bianca, spezie, pepe bianco, delicate erbe aromatiche, tanto mare: è questo il profilo aromatico che porta a una bocca elegante e tesa, di sapidità sconvolgente.

Il Fiorduva di Marisa Cuomo nella versione 2022 presenta il solito caldo profilo aromatico fatto di spezie gialle, limoni canditi, cedro, basilico, miele bianco. Solare anche in bocca, dove è ricco di frutto, morbido e avvolgente, rinfrescato da estive sensazioni agrumate. Parlare della struggente bellezza dei costoni terrazzati coltivati a pergolati che si affacciano sulla Costiera Amalfitana presuppone l’uso dell’espressione “viticoltura eroica”.

Che descrive anche il lavoro di Marisa Cuomo e Andrea Ferraioli, supportati dai figli Dora e Raffaele. I 18 ettari a strapiombo sul Tirreno sono la culla di varietà autoctone: piedirosso e sciascinoso per i rossi, ripoli, fenile e ginestra per i bianchi, uve che, tra l’altro, danno anche vita al vino di punta dell’azienda,

redazione
http://www.quotidianocostiera.it
spot_imgspot_img

articoli correlati

Unisa, al via le giornate di orientamento e accoglienza delle future matricole

Da domani 23 aprile tornano gli appuntamenti di opening e conoscenza promossi dal programma “UnisaOrienta”.  L’Ateneo è pronto ad accogliere studenti e studentesse degli...

A Napoli la prima vigna gestita da studenti delle periferie

Una vigna didattica per promuovere nuove forme d'integrazione e di formazione per i ragazzi delle periferie di Napoli e, allo stesso tempo,...

Automobilismo, Coppa Primavera: trionfa Vinaccia

Si è svolta con successo la 32esima edizione della Coppa della Primavera, gara automobilistica sulle strade della Costiera...

Bimbi sbranato dai pitbull, OIPA (Protezione animali) chiede di regolamentare la detenzione

I casi di cronaca parlano sempre più spesso di aggressioni da parte di cani molossi o molossoidi che...